Alfonso Leoni è stato uno dei più geniali ceramisti e scultori del ‘900. Nonostante i molti riconoscimenti ricevuti – tra cui i Primi Premi ai Concorsi di Cervia (1966), di Gualdo Tadino (1965, 1966, 1975), di Rimini (1967), di Faenza (1976) a cui partecipò assiduamente dal 1964 al 1980 – la sua attività fu un continuo ricercare nuovi stimoli e sperimentare linguaggi diversi. Le opere di Alfonso Leoni si trovano, fra l’altro: Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza; Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Valle Giulia a Roma; Museo d’Arte Moderna di Kyoto (Giappone); Centro di Ricerche “Pio Manzù” a Verucchio (RN); Collezione Cidonio a Marina di Pietrasanta (LU).

All’interno del punto vendita di Faenza si alterneranno diverse opere straordinarie. Per l’autunno è esposto un famoso FLUSSO, opera del 1974, un genere di sculture eseguite nei primi anni 70. Una di queste venne premiata al XXX Concorso Internazionale d’Arte Contemporanea di Faenza nel 1972.